I tre pilastri del SEO nel 2014

[vc_row][vc_column width=”2/3″][vc_column_text]

Pensare al SEO come una disciplina olistica: non c’è un’unica tattica o strategia  su cui lavorare per arrivare in cima, questa è la classifica del 2014. Infatti, per ottenere un buon posizionamento nei motori di ricerca è necessario essere consapevoli e sfruttare strategicamente tre aree chiave: link, contenuti, e social media marketing.

Ognuna di queste aree lavora insieme sinergicamente per creare una strategia SEO di successo.

Diamo uno sguardo più da vicino a ciascuno di essi, e a ciò che è necessario sapere.

Content Strategy

La Strategia dei contenuti viene pubblicizzata dagli esperti come “il nuovo SEO“, e per una buona ragione.
Sulla scia degli aggiornamenti degli algoritmi di Google Panda e Penguin (che sono discussi più in dettaglio nel capitolo 3), molte delle tattiche più popolari fino ad ora, adesso non funzionano più. Questi aggiornamenti degli algoritmi hanno costretto gli strateghi del marketing online a ripensare alle loro campagne SEO da tatticamente-orientate a strategicamente-orientate, con una forte enfasi sulla produzione di contenuti di qualità e la pubblicazione.

Ma la strategia dei contenuti va oltre la semplice pubblicazione di contenuti di qualità.

Essa comprende infatti anche che i contenuti già esistenti sul vostro sito siano ottimizzati dal punto di vista del SEO-tecnico, garantendone al contempo la futura pubblicazione con le migliori tecniche. Per una guida eccellente sugli elementi tecnici SEO, consultate questa guida on-site SEO. Una volta capiti gli elementi tecnici, sarà quindi il momento di concentrarsi sulla vostra strategia dei contenuti. Prima di poter iniziare a scrivere e pubblicare in maniera strategica i vostri contenuti, però è necessario individuare il proprio mercato di riferimento, e le parole chiave e le frasi (parole chiave e concetti, discusso ulteriormente nel Capitolo 4: Moderne parole chiave di ricerca) che si stanno cercando nei motori di ricerca .   Il miglior uso dei dati delle parole chiave, è quello di andare a riempire i buchi nel contenuto generale di un sito web. Gli utenti all’interno del vostro target di mercato sono alla ricerca di una determinata frase o risposta per la quale non c’è un articolo dedicato o un blog? Create un post sul vostro blog, un’ e-book, un articolo su di esso. Si inizia così a perfezionare la ricerca delle parole chiave, ricerca che si utilizza poi per costruire la vostra strategia dei contenuti.

Ecco alcune risorse che vi possono aiutare a capire esattamente come fare:

• La guida definitiva all’utilizzo Planner Keyword Tool di Google per parole chiave di ricerca

• Come costruire un Kickass Content Strategy

Oltre a comprendere ciò che gli utenti stanno in realtà cercando, avere dei buoni contenuti modella anche l’esperienza dell’utente e il suo modo di vedere e sentire un’ azienda. Un blog aziendale regolarmente aggiornato con pezzi ben scritti e post interessanti accrescerà la reputazione dell’azienda e attirerà più link in entrata, passaparola, potenziali clienti, contatti e quindi vendite. Molto diverso da un blog aziendale che comunica semplicemente news aziendali banali o eventi senza offrire contenuti interessanti ai suoi lettori.   Pensare nella mentalità del cliente deve sempre essere il punto di partenza da cui il contenuto è creato e pubblicato. Una società di vitamina biologiche ad esempio, può tranquillamente supporre che i propri clienti siano interessati a contenuti che parlano di salute generale e benessere. Così, avere un post di colloquio sul proprio blog  con una start-up che offre la consegna di prodotti biologici, sarà più coinvolgente di un post che descrive quali vitamine sono in vendita. Il contenuto deve sempre fornire un vantaggio o un valore per il lettore. Per maggiori informazioni sulla strategia dei contenuti, vedere il Capitolo 8: Contenuti e Inbound Marketing.
Link in entrata Il Link building è un insieme di tattiche SEO che si traduce nella creazione di collegamenti ipertestuali da altri siti web al proprio, al fine di attrarre lettori esterni ai contenuti della vostra azienda. La quantità e la qualità dei link in entrata è il fattore più importante per scalare la classifica negli algoritmi di ricerca. La mentalità nel 2014 si è spostata attorno link in entrata, da una di costruzione a una di guadagno. Invece di concentrarsi su un eccessivo link building, i migliori siti e le marche stanno lavorando per sviluppare la loro voce e il marchio sul mercato. Questo, combinato con la creazione di contenuti migliore, è un approccio etico ed efficace per scalare le classifiche di ricerca e avere più collegamenti. Per una discussione dettagliata di come affrontare i collegamenti nel contesto SEO corrente, vedere il Capitolo 7: Link Building Sposta a Link Guadagnare.   Social Media Molti tradizionalisti SEO ci hanno messo un po ‘a capire i veri benefici dei social media, in quanto si riferiscono ad una strategia di search marketing organica. Ma il social media marketing fa molto di più che rendere semplicemente la vostra azienda competitiva per la concorrenza. Il social media offre alle aziende una piattaforma supplementare per interagire con i clienti, costruire il proprio marchio, e creare una comunità, il tutto monitorando anche il traffico nel proprio sito web.   La strategia con il social media è diversa per ogni azienda, a seconda del suo mercato di riferimento e a cosa sono interessati e anche a causa di questo, non tutti i canali di social media disponibili possono essere un beneficio per ogni azienda. E ‘importante trovare i canali dove il vostro target di riferimento è concentrato, e di intensificare gli sforzi su quei social network.   Ottimizzare e coinvolgere gli utenti all’interno dei social networks non è sempre stato un obiettivo di SEO, ma dovrebbe esserlo nel 2014. Mentre le campagne SEO sono studiate soprattutto per attirare nuovi clienti e aumentare la consapevolezza di un business nei  risultati di ricerca organici, il social media si concentra sul mantenimento dei clienti e sul rafforzare i rapporti con loro attraverso un’ impegno strategico.   Per riassumere il nostro pensiero su come appare il SEO nel 2014: il modo migliore di pensare al SEO è come un quadro integrato che utilizza l’alta qualità dei contenuti per stabilire l’ autorità; i social media per attrarre e per promuovere; e si concentra sul guadagnare links in entrata per garantirsi visibilità a lungo termine sui motori di ricerca.
Ora analizziamo alcuni dei recenti aggiornamenti di Google che stanno avendo un impatto SEO e cosa pensiamo della ricerca.

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/3″][vc_cta_button2 h2=”Google Penguin, Panda, e Hummingbird ” style=”square” txt_align=”left” title=”Leggi prossimo argomento” btn_style=”rounded” color=”white” size=”md” position=”right” link=”url:http%3A%2F%2Fcarlostancanelli.it%2Fgoogle-penguin-panda-e-hummingbird%2F|title:Google%20Penguin%2C%20Panda%2C%20e%20Hummingbird%20|”][/vc_cta_button2][vc_widget_sidebar show_bg=”true” sidebar_id=”sidebar_6″][/vc_column][/vc_row]