Agenzia Marketing Friuli Venezia Giulia

[vc_row][vc_column width=”1/1″][minti_headline type=”h2″ font=”font-special” size=”fontsize-xl”]AGENZIA MARKETING Friuli Venezia Giulia[/minti_headline][minti_headline type=”div” size=”fontsize-m”]Il nostro team in Friuli Venezia Giulia sviluppa strategie di contenuti efficaci per le aziende lungimiranti. Abbiamo una comprovata esperienza per aumentare il posizionamento nei motori di ricerca.[/minti_headline][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”full_width_section” bg_image=”15727″][vc_column width=”1/1″][minti_image img=”15727″ align=”center”][/vc_column][/vc_row][vc_row top_padding=”40″ bottom_padding=”40″][vc_column width=”1/1″][minti_headline type=”h2″ font=”font-special” size=”fontsize-l”]consulenza in Friuli Venezia Giulia[/minti_headline][vc_column_text]

La consulenza è diventata un vero “plus” per un’agenzia di comunicazione in Friuli Venezia Giulia. Il nostro servizio di consulenza marketing si è sempre differenziato, perché accompagna il cliente passo dopo passo nella stesura del piano di marketing e comunicazione più idoneo, al fine di centrare gli obiettivi di business evidenziati. La consulenza in Friuli Venezia Giulia della nostra agenzia ti consentirà di avere un ufficio marketing in outsourcing, completo di un team di specialisti in grado di sviluppare ciascuna attività definita nel progetto.

la programmazione strategica aziendale la pianificazione, l’organizzazione e la gestione della forza vendita le ricerche di mercato lo studio di piani di marketing-mix, strategico-operativi

l’analisi della concorrenza la previsione delle vendite la valutazione di investimenti per il lancio di nuovi prodotti l’analisi di problematiche distributive e l’ individuazione di nuovi canali distributivi il direct mailing.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/1″][minti_headline type=”h3″ size=”fontsize-l”]SERVIZI DI MARKETING IN Friuli Venezia Giulia[/minti_headline][/vc_column][/vc_row][vc_row top_padding=”20″ bottom_padding=”20″][vc_column width=”1/3″][minti_image img=”15719″ img_size=”200×200″ align=”center”][vc_column_text]

SOCIAL MEDIA MARKETING Friuli Venezia Giulia

Una strategia sociale in Friuli Venezia Giulia efficace può aiutare a crescere nel vostro business , mantenere la vostra presenza sociale e interagire con il vostro potenziale cliente.

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/3″][minti_image img=”18195″ img_size=”200×200″ align=”center”][vc_column_text]

SEO & MARKETING Friuli Venezia Giulia

SEO offre una visibilità efficace sui motori di ricerca in Friuli Venezia Giulia che porta ad un notevole incremento delle vendite, la redditività e di nuovi clienti.

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/3″][minti_image img=”18193″ img_size=”200×200″ align=”center”][vc_column_text]

EMAIL MARKETING Friuli Venezia Giulia

Creiamo campagne su misura di email marketing in Friuli Venezia Giulia per ogni segmento del tuo pubblico per pubblicizzare prodotti e servizi per coinvolgere in modo efficiente ed efficace i nuovi clienti.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row top_padding=”40″ bottom_padding=”40″][vc_column width=”1/1″][vc_column_text]

Friuli Venezia Giulia

l nome Friuli è di origine romana e deriva dalla città di Forum Iulii (ora Cividale del Friuli) fondata da Giulio Cesare verso la metà del I secolo a.C. e divenuta, dopo la distruzione di Aquileia ad opera degli Unni nel (452 d.C.), il capoluogo della regione Venetia et Histria, in posizione pedemontana più appartata, ma più sicura. Con le invasioni barbariche il nome, contrattosi nella forma attuale fu esteso a tutta la regione circostante sulla quale la città esercitava la sua giurisdizione, che divenne prima ducato, poi la marca ed infine la contea del Friuli. Anche il nome Venezia Giulia si richiama alla tradizione romana della Venetia et Histria e delle Alpes Iuliae, ricordando il substrato dei venetici e le imprese di Giulio Cesare e di Cesare Ottaviano Augusto, entrambi della Gens Iulia. Esso fu proposto nel 1863 dal glottologo goriziano Graziadio Ascoli

[/vc_column_text][minti_video]https://vimeo.com/112035095[/minti_video][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/1″][vc_column_text]Un’agenzia Marketing è un’impresa che realizza, prevalentemente, progetti di comunicazione cioè per i media classici quali sono la televisione, la radio, la stampa, le affissioni e il cinema.Il termine above the line è affiancato a quello di below the line, che invece riguarda la vendita diretta, il telemarketing, la promozione tramite il webi, email o classica corrispondenza direct marketing , le pubbliche relazioni e le sponsorizzazioni che solitamente sono affidate a società specializzate in questo come ad esempio le agenzie di eventi . La linea di demarcazione quindi, è quella che nel bilancio di un’azienda separa le spese da investire in Marketing comunicativo  da quelle che servono per la promozione, ovvero favorire e concludere effettivamente le vendite.
Ogni agenzia ha una propria particolare organizzazione e delle proprie specifiche figure professionali che spesso variano in relazione sia alla grandezza dell’agenzia stessa, sia all’importanza del Cliente, e all’entità del denaro da gestire. Spesso alcune parti del lavoro vengono svolte da Consulenti specializzati .

Affissioni 
Un manifesto è un foglio di carta stampato che si affigge in un luogo pubblico allo scopo di comunicare qualcosa o fare pubblicità.

Le caratteristiche principali del manifesto sono le seguenti:
Vantaggi:
* Impatto visivo
* Avere una sorta di monopolio (assieme al poster) per quanto riguarda la pubblicità esterna
* Possibilità di essere posizionati in maniera strategica (ad esempio in prossimità di un punto vendita o comunque in aree ben precise)
* Possibilità di essere visto da molte persone e per molte volte
* Sforzo minimo da parte dei destinatari (che non devono, ad esempio, sintonizzarsi su una rete o acquistare un giornale come invece accade per altri media)
Svantaggi:
* Estrema sinteticità (di solito i manifesti sono messi in luoghi di passaggio, ad esempio lungo una strada, dove i tempi a disposizione per la lettura sono minimi)
* Impossibilità di essere diretti in maniera selettiva verso uno specifico destinatario (a differenza di altri media è molto più difficile prevedere chi vedrà un manifesto)
* Eventuale immagine negativa del medium che può riverberarsi sulla pubblicità (talvolta la cartellonistica ambientale è stata ritenuta deturpante per il paesaggio o l’estetica urbana e distraente per chi guida un veicolo)

Above the line è un termine tecnico impiegato in pubblicità e si usa per indicare tutte le attività di comunicazione che sfruttano i media classici.
* Radio
* Televisione
* Cinema
* Stampa (Giornali e Periodici)
* Affissioni (Manifesti e Poster)
* Internet
* Social Network

Below the line (abbreviato con BTL) è un termine tecnico impiegato in pubblicità e nel marketing per indicare tutte le attività di comunicazione che riguardano un gruppo di utenti. È contrapposto a Above the line che invece si riferisce ad attività di comunicazione su larga scala su media tradizionali come la televisione o la radio.
Alcune della attività di comunicazione BTL sono:
* Sponsorizzazione eventi
* Relazioni pubbliche
* Direct marketing
* Promozioni
* Passaparola
Il termine trae origine dal gergo dell’amministrazione finanziaria, in particolare rifacendosi alle voci del conto economico. La linea cui si fa riferimento è quella che separa le operazioni di addizione e sottrazione tra le entrate e le voci di spesa, dal profitto lordo che è il risultato dell’attività operativa. Sotto la linea (below the line) solitamente vengono poste le spese di bassa entità che per imprevisto, o per via della scarsa incidenza sul conto economico, possono essere aggiunte in un secondo momento pur non essendo state messe in preventivo. Nel linguaggio dei pubblicitari, dunque, il marketing e la comunicazione below the line rientrano fra le attività a basso budget. Gli esempi più classici di questo genere di iniziative sono i flash mob e il guerrilla marketing.

Vendita diretta

La vendita diretta è solitamente la promozione di beni o servizi esercitata da venditori quali agenti di commercio o procacciatori d’affari, presso clienti finali, siano essi privati o aziende al fine di raccogliere ordinativi e concludere vendite.
In Italia, in particolare, la vendita diretta a domicilio è disciplinata dalla legge n. 173/2005 e successive modifiche del codice civile per la promozione e distribuzione di prodotti e servizi al consumatore finale tramite la raccolta di ordinativi di acquisto generalmente presso il domicilio del consumatore e comunque fuori dagli esercizi commerciali da parte di imprese che si avvalgono di incaricati alla vendita.

Questa professione, i cui antesignani sono gli antichi mercanti nomadi e successivamente i venditori ambulanti, affonda le proprie radici nella storia del commercio stesso.
La vendita diretta è praticata in tempi moderni principalmente attraverso due modalità:
– il porta a porta (door to door), che consiste nella presentazione di prodotti o servizi da parte di un venditore che si muove su un determinato territorio per raggiungere ogni singolo potenziale cliente
– la vendita per riunione (party plan), in cui la presentazione dell’incaricato è rivolta a un gruppo di potenziali clienti riuniti presso l’abitazione di un ospite, che si attiva per invitare e ricevere i partecipanti
Il secondo metodo, per quanto empiricamente già applicato nell’antichità, è stato teorizzato ed applicato in modo scientifico dalla famosa venditrice americana Brownie Wise che sfruttando questa tecnica, oggi applicata in varie forme.
L’attività di incaricato alla vendita diretta può essere svolta in Italia anche come procacciatore occasionale.
1. Riportiamo un estratto della legge italiana che regolamenta la vendita diretta a domicilio attraverso personale incaricato:
a) per “vendita diretta a domicilio”, la forma speciale di vendita al dettaglio e di offerta di beni e servizi, di cui all’articolo 19 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n.114, effettuate tramite la raccolta di ordinativi di acquisto presso il domicilio del consumatore finale o nei locali nei quali il consumatore si trova, anche temporaneamente, per motivi personali, di lavoro, di studio, di intrattenimento o di svago;
b) per “incaricato alla vendita diretta a domicilio”, colui che, con o senza vincolo di subordinazione, promuove, direttamente o indirettamente, la raccolta di ordinativi di acquisto presso privati consumatori per conto di imprese esercenti la vendita diretta a domicilio;
c) per “impresa” o “imprese”, l’impresa o le imprese esercenti la vendita diretta a domicilio di cui alla lettera a).
2. Le disposizioni della presente legge, ad eccezione di quanto previsto dagli articoli 5, 6 e 7, non si applicano alla offerta, alla sottoscrizione e alla propaganda ai fini commerciali di:
a) prodotti e servizi finanziari;
b) prodotti e servizi assicurativi;
c) contratti per la costruzione, la vendita e la locazione di beni immobili.

Telemarketing

Si può definire come telemarketing l’insieme delle attività di marketing effettuate tramite lo strumento telefonico:
* il centro chiamate è il luogo fisico, interno all’azienda o in esternalizzazione, dove l’attività viene svolta;
* l’attività di direct marketing svolta mediante il centro chiamate ha varie finalità, in base a queste viene classificata con ulteriori nomenclature specifiche.
L’attività di telemarketing consiste nel contatto telefonico diretto, svolto mediante operatori commerciali, fra una o più aziende consociate e la clientela, attuale o potenziale, di tali aziende. La finalità di questo contatto è in ogni caso di tipo commerciale, e consiste nella vendita telefonica di beni o servizi (in questo caso si parla in modo più appropriato di teleselling), oppure più spesso, nella pubblicizzazione commerciale delle attività e dei prodotti aziendali. In molti casi la telefonata si conclude, in caso di esito positivo, con l’individuazione di un appuntamento di vendita presso il domicilio
[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]